Briganti: banditi o partigiani

 :: GENERALE :: Storia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Gianfranco il Sab Gen 23, 2010 8:44 am

Una lettura attuale e, forse più obiettiva, dei fenomeni che riguardarono gli anni immediatamente successivi all'unificazione dell'Italia, a distanza di quasi un secolo e mezzo, è oramai necessaria. Qualche giorno fa il bel contributo di Vincenzo d'Aurelio su Cultura Salentina, Il brigantaggio visto dal Sud, ha fatto il pieno di visite a testimonianza di un interesse forte da parte dei lettori su questo tipo di argomenti.
Sarebbe bello se prendessimo spunto da questa rinnovata attenzione per la nostra storia del meridione per raccogliere informazioni, bibliografia e aprire ulteriori fronti di discussione.

_________________
Nulla dies sine linea
avatar
Gianfranco
Admin
Admin

Numero di messaggi : 741
Data d'iscrizione : 30.12.08

http://culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Vincenzo D'Aurelio il Sab Gen 23, 2010 10:03 am

Caro Gianfranco,

il lavoro storico sul brigantaggio, spesso, è formulato sui rapporti delle commissioni di inchiesta governative di fine Ottocento. Generalmente le stesse commissioni sono costituite da "aristocratici" che erano obiettivo primario delle bande. A questo aggiungiamo che buona parte di questi comissari non sono mai lucani e se lo sono essi stessi fanno parte di una fazione partigiana sabauda. Lo studio del brigantaggio, a mio parere, è ancor oggi sconosciuto nei suoi fondamentali e cioè: nel valore antropologico, nella discussione economica, nella discussione politica. Tutti i saggi sin'ora apparsi si fossilizzano solo su una di queste variabili e le conclusioni portano a vedere il fenomeno esclusivamente sotto un aspetto che diventa positivo e negativo in funzione di quel che si vuol far emergere. Non a caso il brigantaggio è ancora spesso utilizzato come strumento politico così come si fa con la figura di Garibaldi.
Il problema dell'interpretazione del fenomeno "brigantaggio", per il quale io non posso andare oltre a quanto già scritto per incompetenze e lacune, è quello di una lettura che propone un'analisi ad ampio spettro che collega un fenomeno locale (regionale-subregionale-provinciale ecc...) sull'ampio scenario storico, economico, antropologico e culturale nazionale dell'800.
Solo in tal modo si potrà valutare obiettivamente tutto ciò che si definisce, positivamente e negativamente, brigantaggio.

Un abbraccio

P.S. Il merito è tuo, e non del contributo, per lo spazio che concedi a questo cultore di storia nella nostra seguitissima rivista online . cheers

_________________
Ardere et lucere perfectum
avatar
Vincenzo D'Aurelio
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 04.01.09
Età : 43
Località : Maglie

http://www.culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Fernando il Gio Gen 28, 2010 7:49 pm

E allora invito gli interessati a dare uno sguardo a "Lager sabaudi per i "briganti" del Sud", a "La pulizia etnica del 1861-1862", a "Il tallone dei Savoia" in "L'emigrazione Italiana" sul sito internet "Cronologia.Leonardo.it" ... per conoscere, ad esempio, le condizioni di migliaia di deportati, militari e civili dello sconfitto Regno delle Due Sicilie, ad Alessandria, Fenestelle, etc. etc.. Perchè non si istituisce anche per loro un giorno della memoria?

Fernando
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 346
Data d'iscrizione : 09.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Carlo Maci il Ven Gen 29, 2010 9:12 am

Nell’ opera …ATTRAVERSO DIECI SECOLI DI STORIA PATRIA , Tip. “La Modernissima” 1963 - del Can. Pietro Serio, giudicata dal Dott. Teodoro Pellegrino, Direttore della Biblioteca Provinciale di Lecce, senza esitazione tra le migliori scritte sulla nostra Terra d’Otranto, si cita un fatto interessante riguardo al Brigantaggio.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Vi è una nota, a pag. 314


Cito testualmente:
Nota. Il giorno dopo l’esecuzione di morte di quegli undici disgraziati, dei quali cinque di Campi, il Lupinacci fece nota una disposizione con cui per grazia sovrana essi venivano resi liberi. Ma pare che il Lupinacci conoscesse anche prima una tale concessione e la tenne celata allo scopo di vendicarsi della loro lunga ed insistente resistenza, la cui resa gli era costata stenti e sangue.
avatar
Carlo Maci

Numero di messaggi : 45
Data d'iscrizione : 16.04.09
Età : 48
Località : Lecce

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Gianfranco il Ven Gen 29, 2010 6:23 pm

Alla lista delle fonti sui briganti si può aggiungere questo contributo che si basa su un resoconto pubblicato dal Panareo su Rinascenza Salentina.

_________________
Nulla dies sine linea
avatar
Gianfranco
Admin
Admin

Numero di messaggi : 741
Data d'iscrizione : 30.12.08

http://culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Gianfranco il Sab Gen 30, 2010 7:40 am

Segnalo questo bell'articolo di Sergio d'Amaro su Microstorie: BRIGANTI & CO. TUTTO SU DI LORO DA RAFFAELE NIGRO

_________________
Nulla dies sine linea
avatar
Gianfranco
Admin
Admin

Numero di messaggi : 741
Data d'iscrizione : 30.12.08

http://culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Fernando il Sab Gen 30, 2010 12:37 pm

Gianfranco ha scritto:Segnalo questo bell'articolo di Sergio d'Amaro su Microstorie: BRIGANTI & CO. TUTTO SU DI LORO DA RAFFAELE NIGRO

Si è bello, ma generalizza il fenomeno e soprattutto non accenna alle problematiche specifiche del Salento.

Fernando
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 346
Data d'iscrizione : 09.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Gianfranco il Sab Gen 30, 2010 3:09 pm

Fernando ha scritto:
Gianfranco ha scritto:Segnalo questo bell'articolo di Sergio d'Amaro su Microstorie: BRIGANTI & CO. TUTTO SU DI LORO DA RAFFAELE NIGRO

Si è bello, ma generalizza il fenomeno e soprattutto non accenna alle problematiche specifiche del Salento.

Certo si tratta in fin dei conti di una recensione, però interessante per tenere a mente gli scritti di Raffaele Nigro sul fenomeno.

_________________
Nulla dies sine linea
avatar
Gianfranco
Admin
Admin

Numero di messaggi : 741
Data d'iscrizione : 30.12.08

http://culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Fernando il Sab Gen 30, 2010 4:42 pm

Gianfranco ha scritto:

Certo si tratta in fin dei conti di una recensione, però interessante per tenere a mente gli scritti di Raffaele Nigro sul fenomeno.


Anche Raffaele Nigro é un fenomeno. Ricordate "La baronessa dell'Olivento"?

Fernando
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 346
Data d'iscrizione : 09.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Gianfranco il Sab Gen 30, 2010 5:19 pm

Fernando ha scritto:
Gianfranco ha scritto:

Certo si tratta in fin dei conti di una recensione, però interessante per tenere a mente gli scritti di Raffaele Nigro sul fenomeno.


Anche Raffaele Nigro é un fenomeno. Ricordate "La baronessa dell'Olivento"?
Non ho letto questo testo, ma non vorrei aprire un off topic, che ne dici di raccontarci qualcosa in merito aprendo un altro topic?

_________________
Nulla dies sine linea
avatar
Gianfranco
Admin
Admin

Numero di messaggi : 741
Data d'iscrizione : 30.12.08

http://culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Gianfranco il Dom Gen 31, 2010 3:15 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

_________________
Nulla dies sine linea
avatar
Gianfranco
Admin
Admin

Numero di messaggi : 741
Data d'iscrizione : 30.12.08

http://culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Fernando il Dom Gen 31, 2010 3:33 pm

Gianfranco ha scritto:[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Grazie per la segnalazione. Ceglie Messapica è una cittadina salentina tutta da scoprire. E la storia dei suoi "briganti" e delle loro vittime, specialmente delle donne, merita approfondimenti e pubblicità sul nostro forum.

Fernando
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 346
Data d'iscrizione : 09.01.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Briganti: banditi o partigiani

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 :: GENERALE :: Storia

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum