i cannoni di Matino

 :: GENERALE :: Storia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

i cannoni di Matino

Messaggio  Ospite il Sab Lug 18, 2009 6:20 am

in una mia escursione ho individuato questo cannone a Matino. La sua forma, alquanto tozza, non mi fa pensare ad un cannone, ma ad altro strumento da tiro. Chi può dare informazioni in merito? Ho anche fotografato il particolare con il numero di matricola e la casa produttrice, magari possono aiutare nelle ricerche.

Essendo l'arma all'esterno, secondo voi è bene consigliare agli amministratori di riporlo in ambiente al chiuso?
Gli esemplari sono due, posti a lato del monumento ai Caduti di questa città.






Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

cannoni di matino

Messaggio  Riccardo Viganò il Sab Lug 18, 2009 12:06 pm

potrebbe trattarsi di un lancia granate di fabbricazione austriaca? l'Italia dei piccoli paesi e ancora pieno di cimeli della grande guerra!!!!!!
avatar
Riccardo Viganò

Numero di messaggi : 57
Data d'iscrizione : 18.01.09
Età : 48

Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Ospite il Sab Lug 18, 2009 12:12 pm

non so se si tratta di lanciagranate!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Gianni il Sab Lug 18, 2009 1:11 pm

Bohler è nel ramo acciai da sempre. Ha interessi anche nella famigerata Tyssen group. Sotto incollo cenni storici sula sede italiana. Consiglio di inviare copia dell foto alla direzione e chiedere loro dettagli. Non so se risponderanno, però si può tentare. Saluti.
BÖHLER Sede Milano
Via Palizzi 90
20157 Milano
Telefono: 02.35.797.1
Fax: 02.35.673.70
mailto:vendite.mi@bohler.it


Cenni Storici

1890 - In una piccola via Milanese, via San Vicenzino 3/5, nel centro di Milano nasce il primo ufficio di rappresentanza della Böhler in Italia. Ne assume la guida il dr. Franz Kölsch, supportato nella sua attività dal conte Daniele Beretta. Lo sviluppo industriale dell'epoca si riflette nella richiesta del mercato principalmente rivolta all'acciaio al carbonio, prodotto da Böhler con la denominazione EXTRA ZÄHHART (EXTRA TENACE DURO).
Più tardi agli inizi del secolo, cominciarono ad apparire i primi acciai da utensili al cromo-vanadio e manganese fra i quali spicca la marca Böhler SPEZIAL SEHR HART (SPECIALE DURISSIMO) ed i primi acciai della Böhler IMPERATOR e RAPID.


1921 - Dopo la prima guerra mondiale, durante la quale tutte le scorte di acciaio vengono requisite dagli arsenali militari, il conte Daniele Beretta assume la guida della rappresentanza italiana.
Nella nuova sede di via Leopardi 7, è possibile immagazzinare una giacenza, in quell'anno vengono vendute circa 120 tonnellate di acciai speciali.
Alla società M. Kaiser e O. Sumberaz-Sotte con sede in Trieste viene, invece, affidata la rappresentanza Böhler per le nuove regioni italiane dell'Alto Adige, Trentino e Venezia Giulia.


1933 - Si rende necessaria una più adeguata struttura distributiva con più magazzini ed attrezzature di taglio delle barre. La Società Saicab, (Società Anonima Italiana Commercio Acciai Böhler) in qualità di rappresentante, è partecipe dello sviluppo Böhler in Italia, raggiungendo negli anni 40 un fatturato intorno alle 2.500 tonnellate. I bombardamenti della seconda guerra mondiale danneggiano pesantemente la struttura milanese di via Moscova 60 e costringono la società a ritirarsi dal mercato.


1947 - Si costituisce la Società Italiana Acciai Böhler S.p.A. con sede in Milano in via Carlo Farini 4. Sorgono le Agenzie di Brescia, Torino, Genova, Padova, Bologna - successivamente trasformatesi in Filiali - ed il magazzino di Napoli.
Sono gli anni della ricostruzione che portano al miracolo economico degli anni sessanta. Nel 1962 la società si trasferisce nella nuova sede di via Varesina 115 per poi insediarsi definitivamente in quella di via Palizzi 90.


1978 - A seguito della fusione in Austria delle 3 acciaierie Böhler, Schoeller-Bleckmann e Alpine-Styria, le rispettive affiliate italiane si fondono in un'unica Società che assume il nome:VEW ACCIAI ITALIA S.p.A.


1989 - Dal primo gennaio, conseguentemente al nuovo assetto organizzativo della Casa Madre austriaca, assume il nome di:BÖHLER ACCIAI ITALIA S.p.A.


1993 - La BÖHLER ACCIAI ITALIA S.p.A. è tra le prime società italiane a realizzare un sistema qualità conforme ai requisiti ISO 9000 ed ottiene da DNV la relativa certificazione.


1995 - La Böhler s.r.l. viene scorporata dalla Böhler Acciai Italia S.p.A. che cambia ragione sociale in Böhler Uddeholm Italia S.p.A.


1998 - La Böhler s.r.l. viene reincorporata nella Böhler Uddeholm Italia S.p.A. e le attività sono organizzate in una divisione. L'organizzazione commerciale opera dagli uffici della sede di Milano e delle filiali di Torino, Padova, Bologna, Brescia oltre che dagli uffici di Firenze e Frosinone.
2006 - L'anno 2006 rappresenta per Böhler Div. della Böhler Uddeholm Italia S.p.A. un anno di rilevanti cambiamenti. Le filiali di Brescia e Bologna vengono riorganizzate mantenendo solamente la parte commerciale, i materiali sono consegnati nella zona di competenza dal magazzino Steel Point grazie ad un accordo con un partner logistico; la filiale di Padova viene trasferita in un nuovo magazzino con superficie più grande così da potenziare il servizio reso anche grazie al lavoro organizzato su due turni.

2007 - Il gruppo Voestalpine AG di Linz, leader europeo dell’industria siderurgica, nell’ottica di un rafforzamento del proprio posizionamento sul mercato, acquisisce il gruppo Böhler Uddeholm AG di Vienna.
Böhler Uddeholm diviene la quinta divisione del gruppo, specializzata negli Acciai Speciali, che si affianca alle quattro divisioni preesistenti: Acciai, Ferroviario, Profili e Automotive.

Gianni

Numero di messaggi : 258
Data d'iscrizione : 03.01.09
Età : 66
Località : alessandria/lecce

Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Ospite il Sab Lug 18, 2009 2:35 pm

Grazie Gianni per le esaurienti notizie che sei riuscito a reperire.

Il tuo prezioso consiglio l'ho subito messo in pratica. Ho inviato la richiesta:

Spett.le Bohler

importuno per segnalare l'esistenza di un ordigno da guerra che dovrebbe essere stato realizzato nei primi decenni del XX secolo negli stabilimenti della Vs. storica industria.

I due ordigni sono posti a decoro di un monumento dei Caduti in una cittadina del Sud Italia, in discrete condizioni, purtroppo privi di qualsiasi protezione.

Sarebbe nostra intenzione, come studiosi di un forum, dove stiamo discutendo dell'insolito armamento, di suggerire all'Amministrazione Comunale competente di provvedere a
tutelarli.

Gradiremmo conoscere il loro nome esatto e le caratteristiche tecniche, se trattasi di attrezzi di comune riscontro o difficile reperibilità, prima di avanzare ogni richiesta.

Grato per la collaborazione che Vorrete offrire, ringrazio a nome di tutti gli iscritti al forum, cui inoltro la presente per opportuna conoscenza.


Inutile dirti che informerò su quanto potrebbero comunicarmi.

Intanto vediamo se riusciamo a capire cos'è.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Vincenzo D'Aurelio il Sab Lug 18, 2009 4:25 pm

Caro Marcello,
dovrebbe trattarsi dell'evoluzione di questo cannone Böhler 26cm Minenwerfer M 1917 esposto insieme a numerosi armamenti presso il Heeresgeschichtliches Museum, Vienna. E' stato in dotazione agli italiani, ed è proprio un lanciagranate.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Questo è il fratello minore, un 7,58cm (contro i 22,6cm!!! di quello di Matino) è qui è all'opera:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
sunny cheers

_________________
Ardere et lucere perfectum
avatar
Vincenzo D'Aurelio
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 04.01.09
Età : 43
Località : Maglie

http://www.culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Vincenzo D'Aurelio il Sab Lug 18, 2009 4:41 pm

Come credevoal RE DI PUGLIA è esposto lo stesso lancia granate:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

sunny

_________________
Ardere et lucere perfectum
avatar
Vincenzo D'Aurelio
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 04.01.09
Età : 43
Località : Maglie

http://www.culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Ospite il Sab Lug 18, 2009 4:45 pm

ottimo! credo risolto il mistero! bravo Vincenzo!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Vincenzo D'Aurelio il Sab Lug 18, 2009 4:47 pm

E queste sono le caratteristiche, trovate in internet in tedesco scratch scratch scratch

Modello: 22 cm Minenwerfer M.15"

Typ schwerer Granatwerfer
Bettung 320 kg schwere Eisenkonstruktion
Kaliber 225 mm
Bedienung: 4 Mann
kleinste Wurfweite 215 m
größte Wurfweite 540 mm
Geschoßgewicht 64,40 kg
Gewicht des feuernden Geschützes 577 kg
Elevation 45 - 70°
Verwendung Zur Bekämpfung lebender ungedeckter oder nur leicht gedeckter Ziele


ciaoooo! cheers

_________________
Ardere et lucere perfectum
avatar
Vincenzo D'Aurelio
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 04.01.09
Età : 43
Località : Maglie

http://www.culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Vincenzo D'Aurelio il Sab Lug 18, 2009 9:43 pm

Marcello ha scritto:ottimo! credo risolto il mistero! bravo Vincenzo!

Il bravo sei sempre te che ci dai queste belle chicche! cheers

_________________
Ardere et lucere perfectum
avatar
Vincenzo D'Aurelio
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 04.01.09
Età : 43
Località : Maglie

http://www.culturasalentina.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: i cannoni di Matino

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 :: GENERALE :: Storia

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum